Mappe Mentali

Perché è importante ascoltare

ascoltare per imparare

“Amo ascoltare. Ho imparato un gran numero di cose ascoltando attentamente. Molte persone non ascoltano mai.”

Ernest Hemingway

Perché è importante imparare ad ascoltare ?

In ogni contesto, ogni giorno, con cadenza ripetuta, una lamentela imperversa per le strade:

la mancanza di ascolto da parte di terzi.

Partendo dal fondamentale presupposto che l’attività di ascolto è fondamentale per costruire fiducia, risulta chiara l’implicazione susseguente, cioè che la mancanza di ascolto impedisce la creazione di relazione e scambio.

La capacità di ascolto deve essere coltivata e portata verso quanto si definisce ascolto attivo.

Quanto consente di confrontarci con l’altro, riconoscerlo, accettarlo, tenere il giudizio da parte, in una parola oserei dire: accogliere.

Quanto premesso, se visto in prospettiva pedagogica, riconduce verso un’urgenza di stimolare questa essenziale capacità.

I bambini approdano alle prime esperienze scolastiche ancora pervasi dal loro egocentrismo, quella semplice tendenza a considerare il proprio punto di vista il solo possibile.

Tutto questo fa parte del bagaglio di ingenuità dei piccoli, ma nel contesto scolastico devono essere guidati verso il confronto e la comprensione del mondo che gli sta intorno.

Gli educatori hanno il compito essenziale di accompagnare questi futuri adulti, sulla strada dell’empatia e del confronto.

Permettendo il naturale, vitale sviluppo e permettendo la possibilità di espressione individuale ed unica di ognuno.

Per arrivare a un obiettivo così alto, non solo è necessario permettere agli alunni di sperimentare cose diverse, ma è essenziale che possano ragionare sulla ricaduta personale di queste esperienze, che siano in grado di conoscersi e riconoscersi.

Attraverso una stimolazione dell’organo più importante: il cervello.

Le esperienze, i confronti, gli stimoli che i bambini incontrano nel loro percorso di crescita, devono essere significativi, termine che può essere ricondotto a una pluralità di significati.

Personalmente ritengo che la significatività sia riconducibile ad un iniziale lampo che scuote la curiosità e l’emotività, risistemato poi affinché trovi un senso, un posto, una razionalità nel pensiero.

Ritorno ora al punto di partenza: l’ascolto attivo.

Compito primo e immancabile di ogni figura formativa è prestare orecchie, mente e cuore ad ogni soggetto su cui ricade la propria azione.

È essenziale che ogni bambino si senta ascoltato e stimolato e che da questo parta un processo di riflessione e razionalizzazione di ogni esperienza.

Compito che può essere agevolato da immagini e schematizzazioni logiche.

Le MAPPE MENTALI, in questo processo, si inseriscono brillantemente e possono essere certo ancora più utili se introdotte con tempestività nel percorso formativo e con una complessità che sia adatta ai diversi momenti scolastici e crescente.

Dunque con l’ascolto si costruisce il pensiero e con il pensiero si costruisce un percorso logico, ecco perché è importante imparare ad ascoltare.

Che l’ascolto torni ad essere tra noi e che il cervello ne possa gioire!

MindMapp:
Andrea Pedullà

Articolo:
Serena Ardissone

Illustrazione:
Lily Therens
www.lilyct.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *